napoli
  • Comments:0

Racconti raminghi: il 31 luglio a Napoli Simone Barotti trasforma in musica le parole di Gabriel García Màrquez.

L’artista romano si esibirà nella rassegna “Brividi d’Estate” all’Orto Botanico.

Le parole del grande Gabo, la voce di Simone Barotti: un binomio artistico che animerà il pubblico napoletano. L’appuntamento è con lo spettacolo Racconti raminghi, (regia di Annamaria Russo)  che andrà in scena il 31 luglio nella splendida location dell’Orto Botanico, nell’ambito della rassegna teatrale “Brividi d’Estate”, organizzata come ogni anno dal teatro Il Pozzo e il Pendolo.

Simone Barotti accompagnerà i racconti del grandissimo scrittore colombiano, recentemente scomparso, scelti da Annamaria Russo. Il cantautore romano interpreterà i suoi brani, arrangiati da Giacinto Piracci e dalla sua band, alternandosi con la voce dell’attrice Rosalba Di Girolamo in un inedito dialogo tra musica e letteratura.

La collaborazione tra Simone Barotti e la regista è nata in modo molto spontaneo, come racconta la stessa Annamaria Russo: “La collaborazione con Simone, artista e cantautore che apprezzo moltissimo, è stata del tutto naturale – afferma la regista di Racconti raminghi – anche perché ho sempre visto nella sua musica qualcosa di molto teatrale. E forse Simone ha colto l’essenza musicale del mio modo di fare teatro”.

L’appuntamento con Simone Barotti e Racconti Raminghi è per giovedì 31 luglio alle ore 21,00 presso il Real Orto Botanico di Napoli.

Simone Barotti nasce a Roma nel 1979. Studia e si appassiona alla musica sin dalla giovane età. Nel 1997 fonda il duo acustico Poetika con il chitarrista Nicola Illuminati, con cui si esibirà fino al 2005, anno in cui Simone intraprende la carriera solista. Nel 2008 supera la prima fase dei provini di X Factor; nel 2010 è semifinalista al premio “Mia Martini” con il brano “Diretto a che ne so”: la canzone è anche selezionata per l’Umbria Rock Festival 2011. Nell’estate dello stesso anno Simone stringe una collaborazione artistica con il chitarrista Emanuele Cefali: il primo lavoro del duo è il brano “D’azzurro e cenere”.

No tags